Cosa si intende per "Credito In-Cassa"?

Con Delibera n°386 del 12 luglio 2013 la Regione Lombardia ha approvato un Protocollo d'Intesa, insieme a Finlombarda e in collaborazione con gli Enti Locali lombardi, per la realizzazione del progetto "Credito In-cassa", l'iniziativa che consente lo smobilizzo di un miliardo di euro a favore delle imprese creditrici verso le Pubbliche Amministrazioni. La successiva Delibera n°572 del 2 agosto 2013 ne ha poi specificato i criteri attuativi.


A chi si rivolge l'iniziativa e secondo quali modalità?
"Credito In-Cassa" si rivolge a tutte le imprese lombarde con sede legale o operativa in Lombardia, appartenenti a tutti i settori, che abbiano crediti scaduti o che saranno scaduti alla data di presentazione della domanda (quindi anche oltre il 31/12/2012), per la fornitura di beni e/o servizi / lavori nei confronti di Comuni/Unioni di Comuni e Province lombardi.
Le imprese cedono in pro-soluto alla società di Factoring convenzionata il credito scaduto maturato nei confronti degli Enti locali lombardi, sollevandosi dal rapporto credito-debito. Grazie a questa operazione l'impresa può usufruire di nuova liquidità.


Quali sono i crediti cedibili?
I crediti cedibili, oltre ad essere scaduti, certi liquidi ed esigibili, devono essere certificati dall'Ente Locale, e possono riguardare sia le spese correnti (spese ordinarie), sia le spese in conto capitale (spese di investimento). L' importo minimo del credito è di 10.000 euro e quello massimo è pari a 750.000 se il credito è vantato nei confronti di Comuni/Unioni di Comuni, mentre sale a 1,3 milioni per le Province e i Capoluoghi di Provincia. Se l'impresa si impegna a liquidare a sua volta i propri sub-fornitori, tali importi sono aumentati rispettivamente fino a 950.000 euro per i crediti verso i Comuni/Unioni di Comuni e fino a 1,5 milioni di euro per i crediti verso le Province e i Comuni Capoluoghi di Provincia.


Quali intermediari finanziari sono coinvolti nell'iniziativa? E' possibile parteciparvi?
Gli intermediari finanziari che possono partecipare all'Operazione sono i soggetti iscritti nell'elenco speciale degli Intermediari finanziari ex art. 107 del Testo Unico Bancario (d.lgs. n. 385/93 e ss.mm.ii) e i soggetti iscritti all'albo di cui all'art. 13 del Testo Unico Bancario che esercitino attività di factoring. E' necessario sottoscrivere un atto di Adesione, unitamente all'accettazione della Proposta Irrevocabile di Accordo, scaricabili dal sito www.finlombarda.it nella sezione dedicata all'Operazione Credito In-Cassa.

 

firma elettronica dei contratti
NPL

Stai cercando una soluzione per gestire in modo completo i Crediti Deteriorati? scopri BCM